ATTIVITA'






Secondo semestre 2016

Aggiornamento continuo dei social della Lef-Italia, creazione di una newsletter e continuo dialogo con le associazioni parte del Coordinamento e non.

Lavori di aggiornamento mensile delle attività dei progetti in Brasile e Siberia.

Campagna di lobbying con lettere alle Istituzioni interessate (Ministro degli Interni, Dipartimento Pari Opportunità) per sensibilizzare sulla violenza che le rifugiate subiscono nel loro percorso, dai paesi dai quali fuggono sino in Europa al loro arrivo. Come dimostrato dal progetto #womensvoices realizzato dalla EWL assieme alla Women’s Refugee Commission e al European Network of Migrant Women.

Riunione del Direttivo del 1 luglio e presentazione del progetto della Lef-Italia sul tema degli stereotipi.

Nomina di Siusi Casaccia quale esperto italiano della Lef-Italia nell’Osservatorio europeo della EWL sulle violenze contro le donne.

Lettera di lobbying a tutte le Autorità slovene sulla proposta di far pagare gli anticoncezionali alle donne.

Riunione del Direttivo del 23 settembre.

Partecipazione al Convegno sulla presenza delle donne nelle Istituzioni organizzato dalla Rete delle Reti di cui la Lef- Italia è parte, nella Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio, a Roma.

Partecipazione a due concept notes in qualità di partner per progetti Erasmus+ sull’inclusione di giovani presentate da Portogallo e Irlanda.

Partecipazione a Lisbona all’incontro co-organizzato dal Coordinamento Francese, Portoghese e Italiano della task force dell’Europa del Sud. Creazione di un manifesto comune. 

Partecipazione al Seminario “Donne, città e territori”.

Primo incontro preparatorio con il Movimento Europeo per la partecipazione ad una manifestazione a favore di un cambio delle attuali politiche europee, che si terrà il 25 marzo.

Convegno “Voci di donne” del 27 ottobre sulle rifugiate nel quale c’è stata la partecipazione di Pierrette Pape della EWL che ha presentato in Italia il progetto #womensvoices.

Incontro dei giovani il 28 ottobre sul tema “Il fenomeno della prostituzione oggi. I modelli svedese e francese come alternativa futura”, con la partecipazione di Pierrette Pape.

Partecipazione a Non Una di Meno e inizio stesura del conseguente piano d’azione contro la violenza maschile.

Partecipazione a conferenza “Le donne e l’Europa” organizzata dalla Sezione di Roma della Gioventù Federalista Europea.


 Primo semestre 2016
Si è proseguita l’attività di promozione della campagna contro la legalizzazione della prostituzione. EWL porta avanti questa campagna dal 2011 e anche Lef-Italia in più occasioni ha attivato incontri di discussione in varie parti del Paese.

Intervento e comunicazioni attraverso i social media in concomitanza ed in favore della votazione della legge abolizionista francese sulla prostituzione.

Lavoro di raccordo in marzo-aprile 2016 con le Associazioni Be Free e ENoMW Italia (Rete Europea Donne Migranti) per il completamento di questionario, redatto a cura di tutti i coordinamenti nazionali EWL, sul tema delle donne migranti; partecipazione, nella persona di Maria Ludovica Bottarelli, alla conferenza stampa per il lancio del rapporto Inter/rotte redatto da Be Free e finanziato dall’Open Society Foundation con illustrazione del questionario realizzato con il contributo sostanziale costituito dal rapporto di Bee Free.

Raccolta dati in corso per la compilazione di questionario sullo stato della educazione sessuale in Italia, come parte di un progetto EWL nei paesi della UE.


Collaborazione in corso con il Movimento Europeo per la progettazione e realizzazione di sessioni di lavoro in vista del G7 sotto presidenza italiana nel 2017. Incontri preliminari e stesura di una bozza di programma sui temi di asilo e rifugiate; donne e potere; donne ed economia; violenza e povertà. Il progetto è da elaborare in rapporto a fonti di finanziamento da chiarire, unitamente a dettagli operativi.  L’intento specifico di Lef Italia è di realizzare una giornata dedicata al tema dell’eguaglianza per le donne nel più ampio spazio dei temi generali trattati dal Movimento.