venerdì 21 aprile 2017

AGORA' 2017




Per le giovani che volessero avere un'esperienza femminista in Europa La Lobby Europea delle Donne vi da l'opportunità di partecipare ad AGORA' 2017:

The call for applications for AGORA 2017, EWL’s feminist summer school, is out! It would be wonderful if you could spread the word and share this with your own networks. Here is the webpage with all the information and link to the application form: http://www.womenlobby.org/AGORA-2017-applications-are-OPEN. This year, we are reserving 10 places for candidates who are affiliated and supported by one of EWL’s members. Applicants will have to provide information about this in their applications (including a name and contact details for the supporting EWL member organisation).

Si può mandare la domanda fino al 9 maggio 2017.


lunedì 6 marzo 2017

Maratona per le donne


Una Cultura in Tante Culture

L'ADEI Wizo, membro della Lef-Italia, organizza per il decimo anno consecutivo il corso per l'educazione all'integrazione.


Comunicato Stampa A.D.E.I. Wizo


Dal 09/03 al 13/03 si svolgerà in Sicilia, a Siracusa e a Catania il Progetto “Una cultura in tante culture” sull’integrazione di alunni di etnie diverse nelle Scuole Statali e di migranti nei centri di accoglienza, sostenuto da UCEI, Unione Comunità Ebraiche Italiane e organizzato dall’A.D.E.I Wizo, Associazione Donne Ebree d’Italia. 

La Dott.ssa Edna Angelica Calò Livne condurrà il Corso per insegnanti, operatori, allievi e migranti con lo scopo di educare al valore della coesistenza tra diverse etnie, combattere ogni forma di razzismo, zenofobia, bullismo attraverso l’acquisizione di strumenti didattici e metodologici sperimentate nel gruppo dei partecipanti. 

La presentazione del Progetto avverrà a Siracusa il 09/03 alle ore 09.00 presso l’Istituto C. “S. Raiti” - Via Pordenone, 2 - 96100 e a Catania presso l’Istituto Enrico Fermi - F. Eredia - Via del Bosco, 43, 95125 il 13/03 alle ore 9.00. Verranno proiettati video su esperienze effettuate in Israele. E’ gradita la vostra partecipazione.




mercoledì 15 febbraio 2017

“Pane quotidiano” Cibo identità terra spreco

Comunicato

“Pane quotidiano”  Cibo identità terra spreco


Più di 800 milioni di persone nel mondo soffrono per fame/malnutrizione, più di 2 miliardi sono in sovrappeso o obese, prevedibilmente in un futuro abbastanza prossimo si ridurranno le aree coltivabili a causa dei cambiamenti climatici, quelli demografici, insieme a guerre e povertà, stanno già producendo imponenti fenomeni migratori. In Italia finisce ogni anno nella spazzatura cibo per un valore di ca 13 miliardi (Oss. Waste watchers/Last minute swg)!!!
Il “pane quotidiano” rappresenta un intreccio complesso di realtà e problematiche differenti: dati economici,ambientali, sociologici, culturali ed anche psicologici ne costituiscono gli elementi fondamentali. E’ importante però ricordare che l’atto del “nutrire” è, per eccellenza, costituivo dell’identità e dell’esperienza femminile in tutte le culture del mondo.
Con l’iniziativa “Pane quotidiano”, la Fondazione Nilde Iotti vuole rilanciare alcune indicazioni emerse dal recente dibattito sviluppatosi  grazie ad Expo 2015, all’enciclica papale “Laudato si’” e ai documenti sul clima di Cop 21, volendo porre le donne al centro della riflessione.
Fame-malnutrizione e obesità-spreco, sicurezza alimentare e sovranità alimentare, identità e territori, accesso alla terra e sostenibilità, superamento delle discriminazioni di genere, in particolare nell’agricoltura delle zone meno sviluppate,  sono questioni centrali in una prospettiva di sviluppo ed in una idea di crescita che guardino al benessere, alla solidarietà e all’uguaglianza. Ancora più centrali oggi in questo tempo di accelerato cambiamento e di grandi incertezze.
Le donne , come cittadine,produttrici, consumatrici,  educatrici, ne sono vere protagoniste anche se loro stesse, spesso, sembrano non esserne così consapevoli.

“Pane quotidiano” vuole essere  una occasione per conoscere,discutere e riflettere.